30 Marzo - 2 Aprile
2020
Bologna
Italia
Bologna Licensing trade fair logo

Drawn Worlds

1001 Outstanding International Picture Books in Moscow

OUTSTANDING è aggettivo davvero calzante per i 1001 che hanno composto questa mostra.

Dice della qualità dei titoli selezionati, titoli che si distaccano dalla produzione media e volano alti, sperimentano, trovano nuove soluzioni, rivedono e rinnovano la tradizione. Le dodici stazioni della mostra hanno disegnato un percorso che invita  a guardare con apertura di sguardo, senza dimenticare ciò che è consolidato dalla più nobile tradizione.

Curata da Giannino Stoppani Cooperativa Culturale / Accademia Drosselmeier. Presentata a Mosca da Grazia Gotti

 

 

Le categorie

1. TODDLER

Genere che rinnova forme e contenuti come a sottolineare l'importanza di un buon inizio per far crescere un lettore curioso ed esigente. In questo segmento di produzione, in forte crescita nel mercato globale, tante sono le sperimentazioni, gli esercizi di stile, i nuovi debutti.

2. SILENT BOOKS

Ad una piena immersione nel mondo visuale ci chiamano editori di tutto il mondo con le loro proposte di libri senza parole. Diventato un vero e proprio genere, il libro senza parole, se da un lato  conquista lettori adulti, giovani che amano il linguaggio dell'illustrazione, dall'altro fatica ad essere accolto nel mondo della scuola. 

3. ALPHABETS BOOKS

Intramontabili i libri-alfabeto,  hanno fortemente rinnovato i contenuti  e sono divenuti territori di sperimentazione della grafica e dell'arte tipografica. Il grande studioso Walter Benjamin  li amava e li collezionava sottolineando come nel tempo le lettere avessero beneficiato del lavoro di tanti artisti. Nonostante lo sviluppo tecnologico e i font informatici questi libri continuano a tenere alto lo standard  di qualità dei libri per bambini.

4. PICTURE BOOKS

Considerato il Principe dei libri per bambini, l'albo di grande formato, solitamente composto di 32 pagine, è diventato lo strumento più diretto e apprezzato dai piccoli lettori. Le storie scivolano sulla pagina e le immagini le arricchiscono di una doppia lettura. In apparenza  semplice, per brevità, in realtà  richiede un lungo lavoro di ideazione, disposizione, composizione. Il grande Maurice Sendak lo considerava riuscito quando non manteneva tracce di imbastitura.

5. BOOKS IN BLACK

Una sotto sezione di Picture Books mette in risalto un aspetto  che potrebbe sembrare ardito, ma  che, in realtà,  rovescia le pigre convenzioni e premia il coraggio di chi sa che l'infanzia non necessita di edulcorazioni e che l'educazione visiva è il punto di arrivo per entrare a piccoli passi nel mondo della rappresantazione senza scorciatoie. Il nero delle copertine e il nero delle pagine invitano al buio, al mistero, alla paura.

6. ART, ARCHITECTURE, DESIGN

Questa sezione documenta come il linguaggio dell'Arte venga proposto con grande ricchezza anche ai bambini più piccoli. Frequentare i Musei, entrare in contatto diretto con il lavoro degli artisti, consente di abbattere i muri che la cultura ha alzato, definendo diversi tipi di pubblico: gli studiosi, gli studenti, gli appassionati. Questi libri, preparati con profonda consapevolezza pedagogica, ci dicono che l'Arte è per tutti. Così come la bellezza. Gianni Rodari ce lo aveva insegnato: “...Chi guarda il cielo per ultimo non lo trova meno splendete”.

7. POETRY

Anche il linguaggio della poesia incontra la sensibilità dei più piccoli. La parola  si fa suono oltre che significato, la parola che  richiama altre parole attraverso la rima, le parole che si chiamano per similitudine, o che contrastano per trovare strane figure retoriche, fanno capire  al bambino che la lingua può diventare un terreno di gioco e di espressività. Fanno anche capire che attraverso le parole possiamo celebrare, criticare, creare mondi e visioni.

8. SHOW: Music, Dance, Theatre, Cinema

Per completare l'educazione artistica in senso lato i libri che presentano altri linguaggi sono utilissimi per cominciare ad indagare questi mondi. Vogliamo che tutti i bambini diventino artisti? Che tutti possano diventare musicisti, attori, danzatori, registi?
No, ci proponiamo semplicemente di migliorare il loro gusto, la loro cultura, superando gli stereotipi e consentendo loro di accedere  a tutte le esperienze dell'umano.

9. CLASSICS

I classici, quelli che hanno conquistato un terreno solido e duraturo, godono dell'aura speciale dell'illustrazione di grandissima qualità. Quanto più grandi sono i libri, quanto più importanti sono gli illustratori. Così è sempre stato, ma non mancano le nuove interpretazioni, affidate ad illustratori giovani che portano un'aria di novità fra le pagine di questi pilastri della letteratura.

10. COMICS

In ogni paese il fumetto vive una stagione di grande vitalità. Molti giovani si sono riavvicinati  al genere e fioriscono nuove collane per i lettori più piccoli. Il fumetto è anche palestra  di giovani autori che portano questo linguaggio accanto a quello dell'arte. Di forte impronta autobiografica e biografica, il racconto disegnato è divenuto un mezzo veloce e inclusivo. Anche il lettore riluttante può entrare fra le pagine e scoprire il piacere della lettura. 

11. KOWLEDGE BOOKS

I libri per conoscere, scoprire, documentarsi, sono i protagonisti di questa ultima stagione editoriale. Nell'ultimo decennio alcune nuove idee, le mappe, sono diventate successi globali. Dopo l'incertezza dovuta al cambiamento tecnologico, gli editori sono ritornati al loro mestiere, cioè quello di mettere sulla carta storie, concetti, analisi, dati, scoperte scientifiche per dare ai ragazzi materiali per costruire la loro conoscenza. C'è chi sostiene che i bambini amino più conoscere nuovi mondi, quello animale e vegetale, piuttosto che i racconti di fate. Molti grandi hanno lasciato testimonianza del loro amore per le atlanti e enciclopedie.

12. WOMEN ON STAGE

Le donne sono le vere protagoniste delle pagine dei libri per ragazzi, ad ogni latitudine.
Le loro lotte per i diritti, prima fra tutte quella per il diritto al voto, sono accompagnate da libri che ricordano ciò che la Storia ha cancellato. Si è coniato il termine HERStory per mettere in evidenza, in ogni campo, quanto lavoro importante è stato fatto dalle donne.  I tanti libri sulle donne sono sono specchi della società, una società nella quale le donne sono sempre più protagoniste.

RITORNA